Exit

I VIRALI ANNI ’20 / trentesimo racconto.

I PEPERONI DI RENATO. Quella mattina Palermo era riempita da un sole caldo che invadeva ogni vicolo e ogni facciata di chiesa o palazzo.  Le bianche pietre per terra si scaldavano e già nelle prime ore del pomeriggio sarebbero diventate roventi così che i bambini non avrebbero più potuto giocare scalzi per strada.  Ma a […]

Read more Like this post0

I VIRALI ANNI ’20 / ventinovesimo racconto.

LA TERRA E IL VINO. Di un uomo che per troppo tempo ha visto solo grappoli e foglie verdi, cosa si può raccontare? Non saranno certo le sue gesta eroiche ad avere impresso il suo nome in un libro sul vino, dimenticato in un angolo, in quella vecchia libreria di Rue Visconti a Parigi. Arsène […]

Read more Like this post0

I VIRALI ANNI ’20 / ventottesimo racconto.

LA CONFESSIONE. Amo mio padre e mia madre, sono un bravo ragazzo. Vivo e lascio vivere, niente di più. Sotto questo cielo che cosa ha davvero importanza per me, poi, non saprei proprio dirvi. Ma una cosa posso dirvela, se proprio vi va di sentirla: sono colpevole. Signor giudice, spettabili membri della corte ed esimia […]

Read more Like this post0

I VIRALI ANNI ’20 / diciannovesimo racconto.

SASHA. Sono i passi veloci di Sasha a spezzare il silenzio che scorre come acqua nelle vie, il rumore delle sue suole in cuoio che rimbomba sui muri dei palazzi. É notte fonda ormai e la città è completamente spenta, dopo la lunga giornata di lavoro chiude gli occhi e dorme. Avvolto nel cappotto continua […]

Read more Like this post0

I VIRALI ANNI ’20 / tredicesimo racconto.

NON È VERO NIENTE. LUI: « Ti ho detto di non insistere, è del tutto inutile. Ti ho già detto di no». LEI: «Sei come un bambino cocciuto, privo di ogni minima forma di decenza. Quando comincerai a crescere? Dovresti solo vergognarti!». LUI: «E invece non mi vergogno, fallo tu per me, se credi sia […]

Read more Like this post0

I VIRALI ANNI ’20 / sesto racconto.

Le scarpe rosse. Piove a dirotto, Dio se piove. Anche questa sera, come ieri e gli ultimi giorni, solo e sempre vento e acqua. Questa mattina sono uscito dall’albergo sotto un cielo di nuvole grigie che sembravano sul punto di cadere a terra da quanto erano cariche di pioggia. Ed io, nonostante ciò, non ho […]

Read more Like this post0

I VIRALI ANNI’20 / quinto racconto.

Seduti alla ringhiera. Piano piano la pioggia cade sulle grondaie, ma sempre più forte è il suo incedere verso la notte. Se solo un sogno portasse via tutti i tormenti anche solo per una volta. Le notti da adulto diventano sempre meno tranquille. Ho incontrato quell’incubo quattro anni fa e non mi ha più lasciato. […]

Read more Like this post0

I VIRALI ANNI ’20 / secondo racconto

Era una notte lunga d’estate, di quelle in cui il vento inizia a soffiare verso le quattro del mattino.  Le stazioni ferroviarie,  in Germania, in queste notti riacquistano un’atmosfera romantica e sublime, celano misteri e fantasie che travalicano i limiti che la realtà, inutilmente, cerca di porre.   E io, di tutte le stazioni tedesche […]

Read more Like this post0
miles kennefik

I VIRALI ANNI ’20 / primo racconto

Si chiamava Miles Kennefik e aveva un nome da nero anche se era irlandese. Suo padre si era fatto 10 mesi alla prigione di Rikers insieme a Quincy Rough di Harlem e ai dischi di Miles Davis.Allora, una volta uscito, aveva deciso di chiamare così il figlio che aveva aspettato un mese in più per […]

Read more Like this post0

I virali anni ’20.

Per starvi vicino e darvi un motivo di distrazione, abbiamo pensato di dare il nostro contributo digitale offrendo sulle nostre pagine social dei contenuti nuovi tutti i giorni. #iorestoacasa

Read more Like this post0
Close
Go top