Exit

I VIRALI ANNI ’20 / trentunesimo racconto.

LA CASA CON LO STECCATO BIANCO. Bernie era nato in una piccola città dell’Alabama, dove la sua famiglia coltivava il cotone da quando i primi coloni erano arrivati negli Stati Uniti con la Mayflower. Era il figlio di quell’America che aveva salvato il mondo dalla tirannia e conservava, stretti nel cuore, i valori morali di […]

Read more Like this post0

I VIRALI ANNI ’20 / trentesimo racconto.

I PEPERONI DI RENATO. Quella mattina Palermo era riempita da un sole caldo che invadeva ogni vicolo e ogni facciata di chiesa o palazzo.  Le bianche pietre per terra si scaldavano e già nelle prime ore del pomeriggio sarebbero diventate roventi così che i bambini non avrebbero più potuto giocare scalzi per strada.  Ma a […]

Read more Like this post0

I VIRALI ANNI ’20 / ventiseiesimo racconto.

JOSE’ CARLOS MARIA LOPEZ. Pt.1 Alla fine degli anni ottanta del ‘900, un uomo, che aveva vissuto tutta la sua vita rincorrendo sempre qualcuno, decise di fermarsi. Si chiamava Josè Carlos Maria Lopez, almeno così era stato registrato all’anagrafe di Buenos Aires, il 9 settembre 1956. Figlio di brave persone, lui il bravo non l’aveva […]

Read more Like this post0

I VIRALI ANNI ’20 / ventitreesimo racconto.

SEDUTO A TAVOLA. Siamo spesso distratti e non ci rendiamo conto di cosa accade nel mondo intorno a noi. Così, i fatti ci travolgono senza che ce ne accorgiamo. La storia, cos’è la storia se non una materia studiata tempo fa a scuola? Eppure, quella volta, era stata proprio lei a farci riunire tutti insieme […]

Read more Like this post0

I VIRALI ANNI ’20 / ventiduesimo racconto. PT.2

MIGLIORE AMICO. Pt.2 Erano nascosti sotto quella parete ripida e spiovente, come i ratti che la notte costeggiano i muri per non farsi vedere dai contadini. A quel punto non mi rimase che mettermi in sella e avvicinarmi al loro accampamento. In silenzio seguii il fuoco che si disperdeva nell’oscurità. Per assurdo più mi avvicinavo […]

Read more Like this post0

I VIRALI ANNI ’20 / ventunesimo racconto.

LA CITTA’ CHE NON HA TEMPO. Corri uomo, corri. Quante porte ha la tua città? Quante porte ha il tuo cuore? “Jerusalem è mia madre” hai pensato, “Lei mi salverà”. Baruch Hashem, benedetto il Signore. Oggi è Shabbat, Shabbat shalom, santo il sabato. Per le vie non c’è nessuno, solo il tempo che ti insegue. […]

Read more Like this post0

I VIRALI ANNI ’20 / ventesimo racconto.

WHAT’S YOUR NAME ? “A tutto s’abitua quel vigliacco che è l’uomo”, così sosteneva Fedor Dostoevskij. Eppure, il nostro protagonista, nel pieno della sua maturità, non si era ancora abituato al proprio nome. Sedeva, una nebbiosa mattina prima dell’alba, nel mezzo del suo studio, un ambiente che dava sul cortile interno della vecchia casa di […]

Read more Like this post0

I VIRALI ANNI ’20 / diciannovesimo racconto.

SASHA. Sono i passi veloci di Sasha a spezzare il silenzio che scorre come acqua nelle vie, il rumore delle sue suole in cuoio che rimbomba sui muri dei palazzi. É notte fonda ormai e la città è completamente spenta, dopo la lunga giornata di lavoro chiude gli occhi e dorme. Avvolto nel cappotto continua […]

Read more Like this post0

I VIRALI ANNI ’20 / diciottesimo racconto.

NEW YORK. La mia storia è iniziata tanto tempo fa. Ero in mezzo al mare da settimane quando all’orizzonte spuntò un sottile filo di terra. Quando posai i piedi per la prima volta su questa sterminata terra mi mancò il fiato e sentii subito dentro il cuore di aver finalmente trovato una casa. Gli anni […]

Read more Like this post0

I VIRALI ANNI ’20 / diciassettesimo racconto.

PRIMAVERA Fu in una tiepida serata primaverile che il giovane Wilhelm Zeitzler si trovò ad errare meditabondo lungo l’Alte Brücke, il ponte vecchio di Heidelberg, osservando il rigoglioso scorrere del Neckar che in quella stagione esprimeva tutta la sua forza impetuosa. Ormai era buio ed era già quasi da un’ora che vagabondava per la città, […]

Read more Like this post0
Close
Go top