Exit

I VIRALI ANNI ’20 / trentesimo racconto.

I PEPERONI DI RENATO. Quella mattina Palermo era riempita da un sole caldo che invadeva ogni vicolo e ogni facciata di chiesa o palazzo.  Le bianche pietre per terra si scaldavano e già nelle prime ore del pomeriggio sarebbero diventate roventi così che i bambini non avrebbero più potuto giocare scalzi per strada.  Ma a […]

Read more Like this post0

I VIRALI ANNI ’20 / ventottesimo racconto.

LA CONFESSIONE. Amo mio padre e mia madre, sono un bravo ragazzo. Vivo e lascio vivere, niente di più. Sotto questo cielo che cosa ha davvero importanza per me, poi, non saprei proprio dirvi. Ma una cosa posso dirvela, se proprio vi va di sentirla: sono colpevole. Signor giudice, spettabili membri della corte ed esimia […]

Read more Like this post0

I VIRALI ANNI ’20 / ventisettesimo racconto.

LA SCOPERTA. Stavano percorrendo una strada di campagna a bordo di una decappottabile argentata, comodamente adagiati nei sedili in pelle. Il sole splendente filtrava a tratti, tra un cipresso e l’altro, donando un divertente gioco di luci e ombre. Tutto era perfetto, i profumi, i colori e i loro silenzi. Solo le note del concerto […]

Read more Like this post0

I VIRALI ANNI ’20 / ventiseiesimo racconto. Pt. 2

JOSE’ CARLOS MARIA LOPEZ. PT. 2 José ci aveva trovati, eravamo spacciati. Ma accadde qualcosa di straordinario. Quell’uomo tanto tormentato quanto deciso si fermò, forse a causa della pietosa visione che gli si presentò davanti agli occhi. Attraverso le sue pupille chiare si intravedeva un sottile velo di emozione, un dubbio che aveva fatto andare […]

Read more Like this post0

I VIRALI ANNI ’20 / venticinquesimo racconto.

IL MIO GRANDE AMORE. Esco dalla finestra che si affaccia sulla terrazza della mia stanza. È pomeriggio inoltrato e il sole, che è stato insolitamente caldo per una giornata primaverile, si appresta a scomparire all’orizzonte.  Mi sollevo in piedi e riesco a scorgere tra i tetti qualche camino ancora fumante e, più in là, alcuni […]

Read more Like this post0

I VIRALI ANNI ’20 / ventiquattresimo racconto.

L’ORANGOTANGO. Non era stata una sua scelta prendere quel treno, ma aveva l’incarico di consegnare il prezioso pacchetto che adesso teneva in grembo. Ora, lì seduta in quel confortevole sedile di pelle blu, per lo meno non si sentiva più obbligata a mostrarsi sorridente con nessuno. Tant’è vero che, inforcati gli occhiali da sole dalle […]

Read more Like this post0

I VIRALI ANNI ’20 / ventiduesimo racconto. PT 1.

MIGLIORE AMICO. Cosa è un lavoro? È un mestiere? Oppure un semplice modo di passare la vita? Il mio più che un lavoro era una passione, un legame profondo che mi costringeva a stare sempre vicino a quelle straordinarie creature. I cavalli, cosa sanno gli uomini dei cavalli? Probabilmente niente. Ho visto molta più compassione […]

Read more Like this post0

I VIRALI ANNI ’20 / ventesimo racconto.

WHAT’S YOUR NAME ? “A tutto s’abitua quel vigliacco che è l’uomo”, così sosteneva Fedor Dostoevskij. Eppure, il nostro protagonista, nel pieno della sua maturità, non si era ancora abituato al proprio nome. Sedeva, una nebbiosa mattina prima dell’alba, nel mezzo del suo studio, un ambiente che dava sul cortile interno della vecchia casa di […]

Read more Like this post0

I VIRALI ANNI ’20 / tredicesimo racconto.

NON È VERO NIENTE. LUI: « Ti ho detto di non insistere, è del tutto inutile. Ti ho già detto di no». LEI: «Sei come un bambino cocciuto, privo di ogni minima forma di decenza. Quando comincerai a crescere? Dovresti solo vergognarti!». LUI: «E invece non mi vergogno, fallo tu per me, se credi sia […]

Read more Like this post0

I VIRALI ANNI ’20 / secondo racconto

Era una notte lunga d’estate, di quelle in cui il vento inizia a soffiare verso le quattro del mattino.  Le stazioni ferroviarie,  in Germania, in queste notti riacquistano un’atmosfera romantica e sublime, celano misteri e fantasie che travalicano i limiti che la realtà, inutilmente, cerca di porre.   E io, di tutte le stazioni tedesche […]

Read more Like this post0
Close
Go top