Exit

I VIRALI ANNI ’20 / sedicesimo racconto.

LA TERRA RIPOSA CON LUI. Mio nonno, per me, è il canto sbuffante di un trattore in lontananza, che riecheggia giù nelle valle, tra le vigne e gli uliveti. Lo sento brontolare, tra il sonno e la veglia, all’ombra di una quercia nel sole del meriggio, come le voci nei sogni, come le voci dei […]

Read more Like this post0

I VIRALI ANNI ’20 / quindicesimo racconto.

La stanza di Caroline. Era un’appartamento al settimo piano di un vecchio palazzo in Rue D’Abukir,  accanto al Marais,  in quella che per molti non è più Parigi.  Le strade e la gente che vi circola sono molto più a Oriente e la vecchia Europa, di cui Parigi era la capitale, lentamente diventa solo un […]

Read more Like this post0

I VIRALI ANNI ’20 / ottavo racconto.

USSARO. Il tenente era alla testa di un piccolo manipolo di Ussari Reali del terzo Reggimento Esterhazy che quel giorno continuavano a spostarsi per mezzo dei loro velocissimi cavalli, i più veloci in dotazione a tutta l’armata. I prestanti Corazzieri sui loro cavalli imponenti, provavano invidia quando li vedevano sfrecciare al fianco delle loro colonne, […]

Read more Like this post0

I VIRALI ANNI ’20 / sesto racconto.

Le scarpe rosse. Piove a dirotto, Dio se piove. Anche questa sera, come ieri e gli ultimi giorni, solo e sempre vento e acqua. Questa mattina sono uscito dall’albergo sotto un cielo di nuvole grigie che sembravano sul punto di cadere a terra da quanto erano cariche di pioggia. Ed io, nonostante ciò, non ho […]

Read more Like this post0
Close
Go top