Exit

Sul giornale Libertà di Piacenza si parla del libro “La Meditazione” ! 

Ringraziamo in particolare Pier Paolo Tassi: con le sue parole ha tratteggiato il contenuto del libro cogliendo il prezioso lavoro sul tema della meditazione che ha condotto l’autore Walter Ferrero.

« Più che una pratica, uno stile di vita.

La meditazione torna ad essere oggetto di riflessione privilegiato per la casa editrice Adea di Castelvetro che ha poco dato alle stampe il nuovo saggio di Walter Ferrero, dal titolo – appunto – “La meditazione”. 

Fondatore di Parsifal Yoga Academy, Ferrero è uno studioso di scienze umane ed executive coach oltre che fondatore del metodo Humantek con Marta Residori – entrambi residenti a Castelvetro da ormai una quindicina d’anni– e in questo testo prova a trasferire un sapere antico, dal buddismo al sufismo in un linguaggio semplice e moderno, accessibile a chiunque, ripercorrendone le tappe fino ai giorni nostri.

Ne esce un volume che si apre a molteplici livelli di lettura: da chi esercita la pratica individuale a chi guarda allo Yoga come scienza integrale, stile di vita, scienza a tutti gli effetti, processo di raffinazione interiore che poi si manifesta a livello esteriore, nel comportamento.

Tra cultura occidentale e mondo orientale, si apre un ponte: alla proiezione esteriore, all’individualismo e al consumismo, fa da contraltare una visione olistica, per certi versi periferica, centrata sull’ascolto. 

La percezione del mondo circostante muta: l’uomo è al centro dell’indagine e attraverso la meditazione aumenta l’attenzione verso le pause, il vuoto, il rapporto con la natura.

Si sviluppa una concentrazione autentica e priva di obiettivi, distante dai risultati e per questo motivo incorruttibile. 

Un recupero, per certi versi della tradizione filosofica presocratica, poi ripresa, pur rimanendo in Occidente minoritaria, da grandi maestri dell’età moderna e contemporanea.

Da Baruch Spinoza, alla fenomenologia esistenzialista, Husserl e Heidegger su tutti. Ma la meditazione non è solo teoria – insegna Ferrero.

E’ un percorso individuale, che deve anche farsi largo sgombrando il campo dai falsi miti.

Non a caso un intero capitolo è dedicato a cosa non è meditazione: surrogati, dalla mindfulness alle tecniche di rilassamento che poco hanno a che fare con il difficile lavoro su se stessi che la meditazione induce.

Un percorso che può anche essere doloroso nelle tappe verso la ricerca del proprio io più vero: ci si scopre, meditando, come agglomerati di condizionamenti, prima di poter sperimentare dimensioni sconosciute.

E’ anche, in sintesi, un libro che guarda al futuro: nell’auspicio che un percorso di autoconsapevolezza possa portare anche i più giovani a diventare padroni della propria vita e tornare con rinnovato vigore a dare un contributo alla nostra società, realizzando la propria parte più nobile, il proprio “demone”, la propria vocazione più vera».   

Copyright© Adea Edizioni 2021.

Close
Go top